Fino a quando? Quando l'orgoglio e l'amore si confondono.

A tutti noi è capitato di incaponirci in una storia e volerla far funzionare a tutti i costi. Credere che LUI o LEI sia quel LUI o LEI di tutta la vita. La solita frase “La persona giusta”. Ma giusta per cosa? Come dicevo nell’articolo precedente, il  concetto di Giusto o Sbagliato è un pò passato di moda. Quindi anche l’idea che una persona sia Giusta, rappresenta solo una condizione momentanea in un preciso frangente nella nostra vita. Le nostre priorità nel tempo, negli anni, nelle epoche storiche del nostro processo di crescita, si trasformano anche in base alle incidenze e alle esigenze. Quindi quello che ORA ci appare giusto, magari non lo è tra un anno, o due o magari sarà SEMPRE giusto… ma magari non lo è MAI.

Qualcuno la chiama legge dell’attrazione. Qualcuno la chiama Profezie che si autoavverano. Ad ogni modo il risultato è quello. Cerchiamo una cosa e forziamo quello che accade in modo che si incastri nella nostra ricerca. Avete presente il gioco da piccoli con il cubo, la piramide, la sfera e il cilindro da incastrare nei buchi? Ecco. A volte incastriamo la piramide nel cubo e diciamo che CI STA PERFETTAMENTE.
Tutti siamo passati in momenti della nostra vita in cui ci siamo sentiti molto soli. Alla fine di una relazione, o perchè non si è incontrata la “persona giusta”. ALl’improvviso, quando proprio si desidera infinitamente innamorarsi e avere QUALCUNO al proprio fianco: TAAAADAAAAAN!!! Compare quello è il vostro principe azzurro. Esattamente come ve lo immaginavate. Bellissimo, perfetto senza difetti. Difetti che poi vedrete tutti e che odierete nell’esatto momento in cui finisce la relazione. Ma come è possibile?? Non era la persona GIUSTA!??!
Profezia che si autoavvera. Voglio quella cosa e allora mi arriva ESATTAMENTE QUELLO CHE VOGLIO. Che caso! Incredibile.
Ecco penserete: è arrivata la solita stronza cinica! Può essere. Ma io non sto parlando del fatto che non si possa essere felici con una persona, che non si possa condividere con lei tutta l’esistenza, che non si possa essere INNAMORATI. Sto solo cercando di aiutarvi in quel processo di comprensione che costa sempre tanta fatica di distaccarci un attimo dal nostro punto di vista e valutare oggettivamente le nostre scelte. E avere anche la libertà critica di dire MA CHISSENEFREGA SE NON E’ LA PERSONA GIUSTA! A ME PIACE LO STESSO.
L’importante è non entrare in quel loop mentale che ci convince sempre di più che NONOSTANTE le evidenze, nonostante tutto indichi che NON è la persona giusta, in realtà si sbaglia tutto il resto, ma noi siamo CERTI che E’ la persona giusta. E come ben sappiamo il nostro cervello è una macchina potente. E che vive di autoconferme. Valutiamo più le cose positive che ha questa persona, che confermano la nostra idea che abbiamo di lei, e trascuriamo  tutto ciò che invece ci da disconferme. Fino a quando le evidenze non sono un numero sufficiente per farci ricredere. E anche in quel caso, non volendo ammettere di aver sbagliato, ci diciamo che è l’altro che E’ CAMBIATO.

E quindi cosa voglio dire con questo? che ogni storia che viviamo o che abbiamo vissuto è un accontentarci? che è un’illusione l’amore? che le due parti della mela non esistono e che siamo come i calzini sempre spaiati? Beh ok. In 7 miliardi saremmo dei miracolati ad aver trovato la MIGLIOR PERSONA PER NOI. Quindi sì da un lato è cosi, dall’altro diciamo che i calzini spaiati possono essere simili e quindi non notarsi la differenza, o che sono cosi diversi da risultare divertenti e eccentrici al punto da stare meglio di due calzini uguali. L’importante è non abbinare due cose che non c’entrano nulla e convincersi che stanno bene. Per orgoglio di non ammettere che ci stiamo sbagliando di perseverare nel nostro errore.
Cerchiamo di capire fino a che punto si vuole insistere con qualcosa che ci sta facendo soffrire più che darci gioia. Non procrastiniamo la scadenza dell’addio. Se una cosa nasce tonda… insomma  non diamo chance all’infinito a una cosa che se ci astraiamo un attimo dalla nostra soggettività ci risulta palesemente insensata.
Capite fino a quando è giusto lottare per qualcosa in cui credete profondamente e quando è solo il vostro orgoglio, o la vostra solitudine a parlare. Costi benefici.  Sono un’imprenditrice da sempre. Ci sono progetti che ho accantonato anche se ci credevo moltissimo perchè mi sono resa conto che erano una perdita di tempo e non sarebbero mai decollati secondo le mie aspettative. Altri che ho lasciato in un limbo in attesa di raccogliere i frutti o per capire che direzione prendere. In alcuni casi ha pagato l’attesa, in altri no. E quindi mollare qualcosa è sempre duro, ma saper valutare il successo o il fallimento delle nostre scelte è alla base della nostra felicità.

L’amore è una cosa semplice. Davvero. L’amore forse dovrebbe essere l’unica cosa semplice sulla faccia della terra. Se è troppo complicato non è un buon investimento. Ci farà perdere sonno e gioia, interesse per quello che facciamo e ci toglierà il focus su altre priorità nella nostra vita. L’amore è semplice. Ricordatevelo sempre. La vita non sempre lo è, ma l’amore, quello sì. Quello deve essere davvero semplice. Se non è così datevi un punto. Aprite gli occhi e smettetela di focalizzarvi su quella che vi sembra la sola opzione plausibile. Scoprirete che c’e’ un mondo di scelte intorno a voi.

Errare humanum est perseverare autem diabolicum (St Agostino)

 


Categories: blog