ileo psoas

Tutto ciò che non sapevate di voler sapere sullo psoas

Pubblicato il Pubblicato in blog

Molti di voi non lo sanno ma hanno seri problemi col loro psoas. E pensate che nemmeno sapete dove sta per la maggior parte dei casi!!! Eppure è lui la causa di tanti piccoli o grandi problemi che vi fanno dolorare e sentire come se vi fosse passato sopra un treno.

Lo psoas si trova qui:

Quindi capirete perchè é considerato la causa del 50% dei problemi di lombalgie e dei vostri così detti “mal di schiena”.

Si estende da ogni lato delle vertebre lombari fino alla parte anteriore della coscia. E’ l’unico muscolo che collega le gambe alla colonna vertebrale. Parte dalla vertebra dorsale (toracica) T12 passando per le 5 vertebre lombari e finisce sulla coscia.

Chi è più a rischio nella contrazione dello psoas?

SENDENTARI. Stare tutto il giorno al computer, sui libri, a guardare la tv, in posizioni sedute ti impedisce di allungare i muscoli flessori dell’anca, che diventano sempre più corti e limitano la gamma dei tuoi movimenti e la lunghezza dei passi.  Mantenere lo psoas per troppo tempo accorciato ti impedisce una volta in piedi di distenderlo al massimo, provocando, come una sorta di filo che tira una stoffa, la trazione a livello lombare e quindi ti fa dolorare tutta la schiena, soprattutto nella parte bassa.

CORRIDORI, CAMMINATORI E CICLISTI. Corsa, una camminata in montagna, e il continuo su e giù delle cosce nella pedalata aiutano a tonificare quadricipite e psoas, ma lo rendono anche più rigido e meno flessibile. Anche questo movimento impedisce un buon allungamento di questo muscolo provocando dolori al lombare.

STRESS E TRISTEZZA. Quando siamo sempre di corsa, stressati, tristi, tendiamo a chiuderci su noi stessi con posture “gobbe”, ci vengono i crampi allo stomaco, ci sentiamo rigidi e schiacciati dalla vita. Questa condizione peggiora ulteriormente la regolare funzione dello psoas.

PROBLEMI RESPIRATORI e EMOZIONALI. Lo psoas, secondo varie filosofie indiane è chiamato “muscolo dell’anima” perché su questo muscolo spesso si somatizzano lo stress, l’ansia, la paura ed altre emozioni. Un altro aspetto spesso trascurato ma secondo me molto importante è che c’è una stretta relazione tra diaframma e l’ileopsoas. Quando quest’ultimo è contratto, non permette una respirazione diaframmatica corretta mentre quando è rilassato anche il diaframma funziona meglio e così la respirazione generale ne trae beneficio.

Quando è fuori equilibrio infatti limita il libero flusso di energia dalle gambe alla zona lombare e viceversa e questo può portare a vari problemi emotivi.

Oltre a questo le posture sbagliate, i sedili della macchina, le sedie, i tacchi alti comprimono questo muscolo in modo permanente.
Se soffri di lombalgie, problemi al ginocchio, con buone probabilità è colpa del tuo psoas: senza rendertene conto, tendi a contrarlo a causa dello stress o di tensioni varie (fisiche o psicologiche) e questo muscolo, sempre più corto, provoca problemi come scoliosi, dolore al ginocchio, sciatica ma anche ciclo doloroso, infertilità e problemi digestivi, oltre ad avere conseguenze sugli organi e ad ostacolare la respirazione col diaframma.

Vi bastano come motivazioni per imparare a conoscere lo psoas e a prendervene cura?

Come allungare lo psoas?

Lo yoga, con tutte le sue posizioni, è uno dei molti modi per risvegliare lo psoas e riequilibrarlo.

Non solo possiamo lavorarci, ma nella pratica dello yoga è tra i muscoli più importanti perché è coinvolto in molte categorie di posizioni.

La sue funzioni principali negli asana sono:

  • flettere il busto verso le gambe se lavoriamo a catena chiusa, cioè attiviamo il muscolo  dalla sua origine
  • sollevare e portare le gambe verso il busto se invece lavoriamo a catena aperta, cioè muoviamo dalla sua inserzione

Per far si che i muscoli del corpo siano in salute è opportuno che ci sia un equilibrio tra contrazione e rilassamento e quindi dobbiamo sia rafforzare che allungare questo muscolo.

ESEMPI DI ASANA DI RAFFORZAMENTO: navasana, uttita hasta padangustasana, virabadrasana 

ESEMPI DI ASANA DI ALLUNGAMENTO: anjineasana, trikonasana, setu bandasana, parsvoconasana

In fase ACUTA e’ consigliata anche l’applicazione del TAPING ELASTICO