i piedi origine del benessere

Ricomincia dalle radici: i tuoi piedi all'origine del tuo benessere

Pubblicato il Pubblicato in blog

I piedi umani sono un’opera d’arte e un capolavoro di ingegneria.
(Michelangelo Buonarroti)

Questo fine settimana ho partecipato alla formazione per istruttori willPower Method® (corso sul quale vi posterò un articolo il prima possibile 🙂 ). Visto l’accento che questo corso pone sui piedi, ho deciso di documentarmi e rendervi partecipi dell’importanza che ha questa nostra parte del corpo, spesso così trascurata e, diciamolo, anche un pò schifata.

I gruppi muscolari dei piedi costituiscono il 25 per cento dei muscoli del corpo. Se si ignorasse la forza e la funzione dei muscoli nei piedi, sarebbe come eliminare gli esercizi per la parte superiore del corpo dalla routine.

Gli esercizi che innervano i muscoli intrinseci del piede e ripristinano  la lunghezza dei muscoli delle parte inferiore delle gambe sono estremamente importanti. La loro forza influenza direttamente la meccanica corretta del piede, i modelli di andatura, la stabilizzazione della caviglia, e l’equilibrio di tutto il corpo.

Eppure la maggior parte di noi nasconde i piedi nelle scarpe dove sono fuori dalla vista, dove non si possano vedere.

Molti di noi soffrono di  dolore ai piedi, caviglie, di fascite plantare(io per esempio…),dolore alle ginocchia, caviglie, fianchi e parte bassa della schiena,gonfiore e borsiti, calli e duroni. Questi sono chiari indicatori di problematiche al piede. Ma ci sono altri indicatori del fatto che i piedi si stanno iniziando a indebolire: la perdita di equilibrio, inciampare facilmente o scivolare quando si è di fretta.

 

Ma quali sono le problematiche più diffuse?

Tra le principali sintomatologie possiamo annoverare:

Borsiti

Conosciute anche come alluce valgo, questa deformità fa perdere gran parte della forza nel nostro core, fianchi e piedi. Ad ogni passo che fai tutto il corpo pesa sulla parte interna della pianta del piede .

Dita a martello

Le quattro dita più piccole del piede a volte rimangono bloccate e raggomitolate sotto. La maggior parte delle volte questo problema è causato dalla costrizione di piedi in scarpe o calze troppo strette.

Calli e duroni

Questo  dimostra quando le scarpe sfreghino contro la pelle, creando pressione e attrito. Il corpo risponde creando strati ulteriori di pelle…che diventeranno un altro punto da premere e strofinare!

Dita strette

Nei cartoni dei Flintstones le dita dei piedoni erano tutte separate tra loro! Però è ciò che si suppone che naturalmente le dita dei piedi debbano fare: avere spazio tra di loro. Ciò consente al metatarso di dare alle falangi un buon allineamento, per essere indolore la transizione delle articolazioni del piede.

Piedi piatti o arco plantare troppo alto

Queste due patologie contrapposte non permettono cmq al piede di portarsi nella corretta posizione, rendendo difficile la deambulazione.

E qual è la causa!

La causa di tutto come si può capire sono LE SCARPE! Esse restringono il piede e le sue parti mobili, riducono anche la sensibilità  e ci privano di contatto diretto con la terra. Si va anche a perdere la natura selvaggia dell’uomo atavicamente abituato a percorrere terreni con ciottoli, rocce, erba, sassi e pendenze. E proprio per questo stiamo perdendo quella forza e stabilità che era propria dei nostri antenati.

Quanti di voi portano le scarpe anche in casa? O le ciabatte? Persino in un ambiente protetto e controllato come casa vostra non “osate” fare uscire allo scoperto i vostri piedi.

Come iniziare a prendervi cura dei vostri piedi?

Come prima cosa TOGLITI LE SCARPE!

Tieni sempre puliti i piedi nel rispetto degli altri e per la tua stessa salute. Sempre costretti nelle scarpe che sono uno dei piu’ noti covi di batteri in assoluto, costretti magari a camminare in luoghi non proprio pulitissimi, con poca possibilità di prendere aria durante il giorno, è bene che vengano curati appena se ne ha la possiblità. Se andate in palestra o peggio ancora in piscina portatevi salviette disinfettanti e igienizzanti in borsa. Eliminate calli o duroni e verificate che la forma del vostro piede non subisca imperfezioni.

So che se dico ad alcune mie amiche di mettere scarpe comode mi guardano come se avessi detto una bestemmia(la scarpa deve essere rigorosamente a punta e montata su un tacco 12!)… beh allora continuate a camminare come degli struzzi con la schiena di Forrest Gump da piccolo!

Anzi imparate a fare molte cose a piedi nudi: correte nella sabbia, in un prato(possibilmente non troppo accessibile agli animali 🙂 ), girare per casa e prendete la buona abitudine di quando andate a casa di qualcuno di togliervi le scarpe. Anche la padrona di casa vi ringrazierà di non dovervi inseguire raccogliendo la sporcizia che portate dentro da fuori!

Vivere a piedi nudi non è solo un modo per migliorare la vostra postura, ma anche un modo di vivere che vi regalerà una grande sensazione di libertà e di relax.

Lo stretching del piede

Fare attenzione a non correre troppo nel voler stretchare! Potreste generare nuovi problemi. Spesso rafforzare i piedi può essere un progetto a lungo termine. Un lungo cammino che si deve lentamente percorrere con impegno costante e l’applicazione quotidiana.

A mio parere uno dei metodi migliori per allungare la fascia plantare e migliorare la mobilità del piede è utilizzare il BlackRoll. Non un foam roller a caso, nonostante si possano cmq usare palline da tennis e foam roller differenti  ottenendone benefici, questo particolare tipo di foam roller con marchio tedesco ha studiato un sistema di massaggio dato dalla densità e dalla trama dello strumento che risulta ideale per il lavoro miofasciale.

La quantità ideale di pressione può essere definito come “dolce disagio”. Devi sentirti un po ‘a disagio, al fine di stimolare il cambiamento positivo! 

Se invece volete apprendere dei nuovi esercizi da fare senza l’uso di strumentazioni, ecco qui un video che vi può aiutare!

Buona visione e non limitatevi a guardarlo, ma anche a metterlo in pratica!